Mariella Castelli
Mariella Castelli

Un essere in divenire...che ha scelto come mezzo per esprimersi la danza e poi la recitazione e il canto. L'essenza stessa della vita e' il processo del divenire).

La danza ce l'ho sempre avuta nel sangue da sempre ma non l'ho saputo fin quando a nove anni mio padre non ha iscritto me e mia sorella maggiore ad una scuola di danza di Catania, dove ho incontrato una maestra meravigliosa che con la sua eleganza e la luce dei suoi meravigliosi occhi azzurri, mi ha fatto scoprire l'armonia del movimento. Dopo poche lezioni è nata in me la passione per la danza e lo devo a lei - Paola Bottino.Con quanta onesta' ha saputo consigliarmi, fino a suggerire ai miei genitori di scegliere scuole più professionali. Così sono stata dapprima a Roma all'Accademia Nazionale di Danza, poi alla scuola della Scala di Milano, per poco, poichè nello stesso tempo ero stata ammessa alla Scuola Internazionale di Danza di Rosella Hightower a Cannes,dove mi sono diplomata. Che meravigliosa esperienza è stata per me quella scuola! Da lì è cominciata la mia carriera. Ma e' cominciato tutto da una brava maestra e da tanti altri bravi maestri ( almeno 200! ) a cui devo la mia riconoscenza per la ballerina di ieri e la maestra che sono oggi.

Sono molto contenta della mia carriera, poichè grazie alla mia ottima preparazione scolastica e alla mia curiosità, ho potuto fare le esperienze più diverse.

Da Bejart, a solista e prima ballerina dei balletti classici, a solista delle più famose trasmissioni televisive. Prima ballerina in creazioni di danza contemporanea. Pubblicità, film, sfilate di modo... Sono persino stata a S.Remo, al festival, come prima ballerina! Poi, la curiosita' mi ha portatata ad una scuola di recitazione e allo studio del canto, così senza volerlo quando hanno fatto l'audizione per il musical a "chorus line" mi sono trovata pronta o quasi! Che esperienza memorabile è stata! Dal provino durato tre giorni, alle prove e agli spettacoli. Due stagioni consecutive colme di emozioni! Poi ci sono stati altri musicals e naturalmente altri spettacoli di danza, ormai la mia esperienza era completa...o quasi...mancava ancora qualcosa che avrebbe permesso di sperimentarmi e completarmi come donna: essere mamma! E così e' arrivato Simone - l'emozione piu' grande di tutte!

Dopo la nascita di mio figlio ho ancora lavorato ma per poco. Non volevo più fare tournee che mi avrebbero tenuto lontana dal mio cucciolo; così ho pensato che avrei potuto trasmettere ad altri tutti i miei anni di studio e le mie esperienze di artista poliedrica. Ecco in sunto chi sono.

Certo mancano le mie curiosità in altri aspetti della vita...ma allora ci vorrebbe un libro! Una cosa mi sembra utile aggiungere. Ho scelto inconsapevolmente tutte queste esperienze, sempre per mettermi alla prova, per crescere come individuo e come artista guidata dall'amore per Dio e per la vita!

 
Powered by Joomla!. Deployed by Pintanet.